Anche l’ Italian Culture Worldwide Rotarian Fellowship ad Abilitando

Pubblicato il

L’ICWRF intende ritrovare nell’interesse comune per la cultura italiana e nell’esempio degli emigranti italiani una ragione di collaborazione fra culture, popoli e nazioni diverse, seiVendosi del network rotariano sia per approfondire e studiare le radici condivisibili, sia per comprendere meglio i meccanismi di adattamento ed integrazione fra differenti wlture, dedicandosi in particola­re ai problemi dell’emigrazione e promovendo in tal modo la com­prensione e l’accordo intemazionale.

L’ARTE PER NON VEDENTI E
PER IPOVEDENTI

Il Problema
In Italia il 2,3 %0 della popolazione è non ve­dente o ipovedente: a 130.000 cittadini è negata la possibilità di godere delle opere
d’arte – dipinti/sculture.

L ‘obiettivo del progetto
Dare la possibilità al non vedente di ascoltare in cuffia una descrizione tecnicamente corretta, correlata all’esplorazione tattile, toc­cando una riproduzione in scala dell’opera originale.

I veicoli per diffondete la soluzione
In generale tutti i detentori di beni culturali in fonna scultorea siano essi di natura pubblica o privata (Musei Vaticani, Musei Statali,
Chiese, Palazzi, etc)

La soluzione proposta
La soluzione si articola in questi passaggi:
Riproduzione in scala del modello originario ottenuta con ricognone grafica tridimensionale e riproduzione con stampante 3D;
Realizzazione della strumentazione e delle attrezzature necessarie a realizzare una connessione fra gli elementi superficiali del modello “tastati” dal non vedente e la descrizione pertinente alla superficie esplorata
Realizzazione dei testi della “Banca Descrizioni” a cura di storiografi esperti dell’opera in esame e in grado di trasmettere le “sensazioni” e le “emozioni” percepite dal visitatore vedente

Lo stato dell’arte
L’idea progettuale di base è stata sviluppata e presentata al Musei Vaticani in due distinti momenti:
nel primo incontro sono state illustrati gli obiettivi di massima che si intendevano verificare in occasione del restauro di alcune statue lignee del millecinquecento opera dello scultore Andrea da Corbetta in Meda (MB). Questo incontro,del 02/12/2016 ha riscosso no­tevole interesse ed ha detenninato un appuntamento successivo
nel secondo incontro, tenutosi il 2 feb­braio u.s. con il Delegato Amministrativo – Gestionale della Direzione dei Musei Vaticani, si sono meglio rappresentate le linee guida del progetto, curato e
sviluppato dal Rotary, nelle sue linee essenziali: è stata chiesta la collaborazione dei Musei Vaticani nella messa a punto dei testi di supporto alle esplorazioni tattili.
Il Delegato ospitante ha mostrato notevole interesse per il progetto proposto dai Rotanani tanto più che è stato chiesto ai Musei Vaticani di ospitare la soluzione tecnologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *